fbpx

A quanti anni si può fare l’animatore turistico?

Tra le domande più frequenti (poste ai colloqui, alle formazioni, o sul web) sul mondo dell’animazione, c’è sicuramente questa: “E’ possibile diventare animatore a tutte le età?”. Ecco la risposta che probabilmente cercavi anche tu: è possibile lavorare come animatore a QUASI tutte le età! In questo breve articolo, scoprirai quando potrai intraprendere questa esperienza fantastica.. E a quanti anni non è invece (ancora) possibile!

Per lavorare come animatore, è necessario avere almeno 18 anni. Per motivi contrattuali, infatti, non ci è possibile assumere minorenni. Se sei interessato a iniziare il tuo percorso in animazione, hai 17 anni ma diventerai maggiorenne prima dell’estate, potrai partecipare comunque ai nostri appuntamenti di selezione in programma tutto l’anno nelle maggiori città italiane. Così, dopo la data del tuo compleanno, sarai pronto a partire e iniziare la tua prima esperienza lavorativa in splendide località turistiche.

A quanti anni si può fare l’animatore turistico?

E per i più grandi, esiste un limite massimo di età? A 40 anni, ad esempio, è possibile lavorare in animazione? La risposta è: dipende da te! Dipende dalla tua esperienza, dal tuo talento e dal ruolo che andrai a svolgere. I responsabili equipe, ad esempio, devono avere alle spalle molte esperienze nei villaggi e, necessariamente, non potranno avere certo 18 anni! Ma non solo: istruttori nautici, tecnici suono e luci, musicisti, coreografi ecc. sono professionisti di tutte le età, che nell’animazione hanno trovato un lavoro continuativo e appassionante!

Sei maggiorenne e hai voglia di iniziare questo percorso? 

Oppure, hai diverse esperienze nel settore animazione e non vedi l’ora di ripartire?

Non ti resta che candidarti sul nostro sito e fare questo splendido viaggio insieme a noi!

Qual é lo stipendio di un animatore nei villaggi turistici?

L’animazione è passione, ma prima di tutto è una professione, con contratto e retribuzione. Per questo, una delle domande più frequenti da parte dei candidati riguarda proprio lo stipendio: quanto prende un animatore turistico?

La risposta non può che essere: “Dipende”. Ruolo e responsabilità sono i principali fattori che determinano lo stipendio mensile di un animatore. Se perciò un giovane animatore contattista o miniclub alla sua prima stagione potrà avere uno stipendio da 450 euro (oltre a viaggio, vitto e alloggio), ben diverso sarà lo stipendio di un responsabile diurno o un responsabile miniclub, e ancora diverso sarà quello di un capo equipe. Queste figure infatti hanno alle spalle molte esperienze nel settore animazione e ricoprono importanti responsabilità in villaggio. 

Qual é lo stipendio di un animatore nei villaggi turistici?

Inoltre, chi sceglie di fare dell’animazione il proprio lavoro e si affida a un’agenzia come Art Swiss Group, ha la possibilità di trovare continuità lavorativa, potendo partire sia per la stagione estiva che in quella invernale, assicurandosi lavoro (e stipendio) tutto l’anno. I più meritevoli poi hanno la possibilità di lavorare in sede: recruiter, formatori e key account arrivano proprio dal mondo dei villaggi turistici!

Sei pronto a iniziare il tuo percorso in animazione?

Il coreografo nei villaggi turistici

Dopo una giornata di mare, fitness, tornei e giochi sulla spiaggia, scende la sera e arriva il momento tanto atteso dello show in teatro! L’intrattenimento serale ricopre un ruolo davvero fondamentale nell’animazione turistica e tra le varie performance, non possono mancare gli spettacoli danzanti, pensati e realizzati da una figura molto importante in villaggio: il coreografo.

Il coreografo nei villaggi turistici è responsabile della creazione dei balli degli spettacoli serali. Il suo compito è anche quello di insegnare le coreografie ai ballerini e agli altri protagonisti dello show… E generalmente è lui stesso ad essere in prima fila a ballare con loro! 

Per diventare coreografo, è importante aver avuto importanti occasioni di formazione nella danza ed esperienze pregresse, anche in realtà diverse dal villaggio. Il coreografo deve inoltre essere dotato di carisma, entusiasmo e capacità di leadership, perché durante le prove si troverà a raggruppare un’equipe varia ed eterogenea, insegnare loro i passi e trasmettere tutta l’energia di cui è capace. Si troverà inoltre a lavorare con altre figure importanti, come lo scenografo e il tecnico audio luci: un buon gioco di squadra sarà fondamentale per la buona riuscita dello spettacolo!

Il coreografo nei villaggi turistici

Se la danza è la tua più grande passione e vorresti portare il tuo talento in giro per il mondo, cogli al volo l’opportunità di lavorare come coreografo nei migliori villaggi turistici in Italia e all’estero. Metti in valigia la tua creatività e la tua esperienza… E parti con noi! Località turistiche mozzafiato ti stanno aspettando!

Lavorare come istruttore fitness nei villaggi turistici

Da una vacanza al mare ci si aspetta tanto, tanto relax… E cosa c’è di più rilassante che prendersi cura del proprio benessere psicofisico? Fare attività fisica è il modo migliore per sentirsi bene con il proprio corpo, e non solo: i benefici sono anche mentali, in quanto il fitness allevia lo stress e allontana le preoccupazioni della vita quotidiana! Per questo motivo, nei villaggi turistici non può mancare l’istruttore fitness (e nei resort più grandi, anche più di uno). Gli ospiti cercano occasioni per allenarsi e stare bene, vogliono trascorrere il loro tempo in vacanza facendo attività nuove e sfidanti: l’istruttore fitness è in villaggio per soddisfare la loro voglia di benessere!

Per lavorare come istruttore fitness nei villaggi è indispensabile avere tanta passione per il mondo del fitness e conoscerne le diverse discipline. Le più richieste in villaggio sono: acquagym (da praticare in piscina o al mare) yoga, pilates, zumba, GAG e attività affini che prevedano l’unione di movimento e musica. Oltre a saper praticare queste discipline, è necessario che l’istruttore fitness abbia un buon approccio all’insegnamento e sia predisposto a lavorare con il pubblico. Ti rispecchi in questo profilo?

Diventare istruttore fitness in villaggio non solo ti permetterà di fare il lavoro che ami, ma anche di viaggiare, scoprire nuove realtà lavorative e splendide località turistiche, in Italia e all’estero. 

Lavorare come istruttore fitness nei villaggi turistici

Se ami il mondo del fitness ma temi di non avere abbastanza esperienza per candidarti come istruttore fitness, devi sapere che Art Swiss punta molto sulla formazione dei propri animatori e organizza periodicamente Academy di settore. Non temere, in questo percorso non sarai mai solo! Candidati sul nostro sito e inizia questa avventura straordinaria, fatta di passione, impegno e tanto divertimento!

Lavorare come animatore turistico miniclub nei villaggi turistici

Sia durante la stagione estiva che in quella invernale, che ci si trovi in alta montagna o sulla spiaggia di qualche isola greca, l’animatore miniclub è davvero un ruolo chiave per l’animazione nei villaggi. La maggior parte dei resort infatti prevede uno spazio, più o meno grande, dedicato al divertimento dei bambini (e anche alla tranquillità dei genitori, che possono affidare i propri figli a personale qualificato!).

Se sei una persona creativa, responsabile e ami stare con i bambini, l’animatore miniclub è proprio il ruolo che fa al caso tuo. Lavorare come animatore miniclub infatti è un’esperienza che riempie le giornate di allegria e vivacità: in compagnia del tuo team e dei piccoli ospiti della struttura, sarai il primo a divertirti, imparare e scoprire qualcosa di nuovo, su di te e sugli altri.

Alcuni scelgono di diventare animatore miniclub solo per qualche stagione: in questo caso l’animazione è l’occasione per approcciarsi alle prime esperienze lavorative, talvolta anche coerenti con il proprio percorso di studi. Se ad esempio sei uno studente universitario e vuoi diventare educatore, un’opportunità lavorativa come questa ti permetterà di lavorare con i bambini, oltretutto in splendidi resort e località turistiche da sogno.

Lavorare come animatore turistico miniclub nei villaggi turistici

Per altri, invece, l’animazione diventa una vera e propria professione continuativa. Dopo diverse stagioni, infatti, l’animatore miniclub potrà ricoprire il ruolo di responsabile e occuparsi dell’organizzazione dello spazio miniclub, del team e delle attività ludiche.

Sei pronto per iniziare questa fantastica avventura con noi? Fare il lavoro che ami, in splendide location e in compagnia di ragazzi come te, non è un’utopia, ma una realtà chiamata animazione miniclub!

L’istruttore di tennis nei villaggi turistici

Trascorrere una vacanza in villaggio non significa solo dedicarsi al proprio relax. I giorni in villeggiatura diventano una buona occasione per iniziare a praticare uno sport nuovo, migliorare le proprie capacità, muoversi e restare in forma.

Tra gli sport più amati in villaggio, c’è sicuramente lui: il tennis. Divertente, avvincente e, per fortuna, prevede il giusto distanziamento per essere continuato a giocare nell’estate 2020 in tutta sicurezza.

L’ISTRUTTORE DI TENNIS: CARATTERISTICHE PRINCIPALI RICHIESTE 

In villaggio, il maestro di tennis si occupa di organizzare tornei, coinvolgere gli ospiti e impartire lezioni private a chi lo richiede. Requisiti essenziali sono sicuramente una buona pratica del tennis e la conoscenza delle regole di gioco. Inoltre, è importantissima senza ombra di dubbio la propensione all’insegnamento. All’istruttore di tennis infatti non è richiesto di sbalordire il pubblico con la sua tecnica impeccabile, ma di essere il punto di riferimento di adulti e ragazzi che vogliono imparare qualcosa di nuovo, affinare i propri movimenti e trascorrere qualche momento di sport e divertimento.

E’ necessario conoscere le lingue straniere? Se la struttura è all’estero o accoglie ospiti straniere, sarà sicuramente utile. In ogni caso, sarà sempre preferibile avere una conoscenza base o intermedia dell’inglese, per affrontare ogni eventualità!

L’istruttore di tennis nei villaggi turistici

LA RELAZIONE AL CENTRO

Buona tecnica e ottime capacità di insegnamento non bastano. ArtSwiss, durante il processo di selezione, valuta anche diverse soft skills, tra cui le capacità comunicative, problem solving, attitudine positiva ed empatia. Quello che l’ospite porterà a casa, terminata la sua vacanza, saranno le risate, i momenti di spensieratezza e di gioco, la rete di relazioni che avrà costruito con gli animatori, il personale di sede e gli altri villeggianti. L’istruttore di tennis è parte di un’esperienza unica, attesa e desiderata. Il suo sorriso e la sua gentilezza sapranno rendere una vacanza ancora più bella!

Quali sono le competenze che deve avere un animatore turistico?

Se non vedi l’ora di fare esperienza in splendidi resort in giro per il mondo, coltivare le tue passioni e divertirti insieme alla tua equipe… Potresti essere la persona motivata ed entusiasta che stiamo cercando! Vuoi sapere quali sono le competenze giuste per lavorare come animatore turistico?

In realtà, molto dipende dal ruolo che vuoi ricoprire in villaggio. L’addetto mini club, l’istruttore vela, l’addetto ai tornei e il responsabile animazione, per citarne alcuni, hanno competenze, predisposizioni e compiti molto diversi. Inoltre, accanto alle figure più conosciute, alcune strutture turistiche richiedono ruoli particolari per rispondere a esigenze molto specifiche (potremo perciò trovare maghi, addetti ai social media e videomaker, escursionisti ecc.). Durante gli appuntamenti di selezione, avrai la possibilità di farti conoscere, raccontare chi sei e mostrare le tue abilità, i tuoi gusti e le caratteristiche che ti rendono unico… Così i selezionatori capiranno in quale villaggio potrai esprimere la tua personalità e la tua voglia di metterti in gioco!

Quali sono le competenze che deve avere un animatore turistico?

Ricordati inoltre che non si smette mai di imparare: per questo Art Swiss investe sulla formazione dei suoi animatori organizzando Academy di settore: così, arrivare preparati e carichi all’imminente stagione diventa davvero un gioco da ragazzi!

Infine, il campo da gioco si rivela sempre la migliore scuola. In villaggio, soprattutto se è la tua prima stagione, non avere paura di sbagliare, fare domande, provare e riprovare! Le competenze che maturerai in villaggio ti accompagneranno per sempre, qualunque cosa farai nel futuro! 

Perché fare l’animatore turistico?

L’idea di lavorare come animatore turistico ti incuriosisce, ma non sei ancora convinto? Tanti come te sono stati affascinati dal mondo dell’animazione, hanno iniziato un’esperienza di questo tipo un po’ per gioco e un po’ per curiosità… E ora non vogliono più smettere! Ora proviamo a spiegarti il perchè!

Vedere posti inesplorati, scoprire nuove culture, lavorare in località turistiche paradisiache… Che ti porti nella vicina e amatissima Sardegna, o alle lontane e sospirate Maldive (ma le mete sono davvero tantissime), l’animazione ti dà l’imperdibile opportunità di viaggiare! 

Questa è una delle principali motivazioni che spinge i nostri ragazzi a candidarsi e lavorare con noi. Sarai tu il prossimo a partire?

Ogni persona che incontri può regalarti qualcosa di speciale… E durante la tua stagione da animatore, incontrerai davvero tante persone che lasceranno un segno importante dentro di te! Che siano ospiti o membri della tua equipe, con alcuni di loro intreccerai amicizie indelebili, destinate a rimanere per sempre nella tua vita!

Durante la tua stagione da animatore, avrai l’opportunità di coltivare le tue passioni, imparare tanto dagli animatori con più esperienza, metterti in gioco e mostrare a tutti la parte migliore di te. L’animazione può insegnarti molto, che ti verrà utile in qualunque circostanza di vita. E se pensi di non essere all’altezza o ti senti un po’ timido… Beh, durante questa esperienza potrai imparare anche a vincere qualche tua paura!

Non sappiamo se l’animazione diventerà la tua professione della vita o sarà un’esperienza lavorativa estiva. Quello che sappiamo è che in stagione con noi ti divertirai un mondo! Provare per credere…

Perché fare l’animatore turistico?

Per questi e tanti altri motivi, dovresti diventare animatore turistico!

A che età si può fare l’animatore turistico?

Da che età è possibile lavorare come animatore nei villaggi? C’è un limite massimo di età? Sono molti gli aspiranti animatori che si pongono queste domande al momento della candidatura. Proviamo perciò a fare chiarezza sulla questione.

Esiste un’età minima per lavorare con noi, ovvero 18 anni. Se sei minorenne, puoi partecipare comunque ai nostri incontri di selezione e formazione (colloqui, Art Selection e Academy). Per partire in stagione e iniziare il tuo percorso lavorativo vero e proprio, però, la maggiore età è requisito obbligatorio.

Non esiste invece un’età massima entro cui è possibile candidarsi. Tutto dipende da diversi fattori: ruolo, responsabilità, esperienze pregresse in villaggio e in altri contesti lavorativi. 

A che età si può fare l’animatore turistico?

Se non hai mai fatto animazione e vuoi candidarti per fare la tua prima stagione come animatore di contatto, miniclub ecc., devi sapere che i ritmi saranno frenetici e le energie necessarie saranno parecchie! Per questo solitamente i candidati alla prima esperienza non superano i 35 anni. 

Se invece hai oltre 35/40 anni e hai già diverse esperienze alle spalle, probabilmente ti stai candidando per un ruolo tecnico e di responsabilità (capo equipe, responsabile miniclub ecc). In questo caso, hai scelto di fare dell’animazione la tua professione… E in Art Swiss potrai trovare le giuste opportunità lavorative!

Prima esperienza da animatore turistico

Che sia l’unica esperienza in villaggio o l’inizio di una lunga e brillante carriera in animazione, una cosa è certa: la prima esperienza da animatore turistico non si scorda mai! 

Rimangono per sempre impresse nella mente le prime sensazioni in villaggio, forti e talvolta contrastanti: ci si può sentire spaesati, pieni di emozioni e adrenalina, forse anche un po’ titubanti. Indossata la divisa, quello che fino a quel momento era solo un progetto, diventa realtà: la prima esperienza da animatore turistico ha inizio! 

Nelle settimane precedenti alla partenza vera e propria, per i futuri animatori non sono mancati appuntamenti dedicati alla loro preparazione. Durante le Art selection e le Academy, inoltre, si sono intrecciati legami sinceri con altri ragazzi e si sono vissuti momenti di divertimento che hanno creato ancora più aspettativa! 

Prima esperienza da animatore turistico

Ma quando arriva il primo giorno in villaggio (il primo vero giorno da animatore!), una domanda sembra frullare nella testa di tutti: “L’animazione sarà la scelta giusta?”. Solo mettendosi in gioco, si scoprirà che non esisteva scelta migliore!

Terminata la prima esperienza da animatore, si torna a casa con un bagaglio pieno di esperienze, emozioni e gratitudine. Stanchi e soddisfatti, si contano già i giorni per ripartire!